Passa ai contenuti principali

Post

Post in evidenza

Un linguaggio simbolico per la Basilicata

Sei quel che mangi (L. Feuerbach) La speciale maga lucana cura una consultante ammalata di disoccupazione grazie al potere delle spezie e dei loro colori: il nero pepe per capire la morte, il rosso peperoncino per amare la vita, il giallo delle curcuma per emanare energia, il blu del sale per ricevere i messaggi universali, il verde dell'origano per affrontare la metamorfosi e il viola della cannella per imparare a rinascere.Tutti condimenti essenziali per gustare le prelibatezze tipiche della terra d'origine: la Basilicata.


Ultimi post

Il caffè tra storia e leggenda

Scatto d'autore sui riti arborei lucani: il racconto di Andrea Semplici

Slow Food Day a Potenza e tante nuove iniziative per la città

E se il suino nero partecipasse a "Porcelli d'Autore"?

Il dolce tipico della Pasqua in Basilicata: il Falaone o Falagone

Rocco Pozzulo, personaggio dell'anno per un'enogastronomia di valore

Teana, l'abbondanza di Carnevale sotto processo

Le arance del Cucibocca e la Stanza dei Misteri nell'Abbazia di Montescaglioso

L'Amaro Di Baragiano e la magica cicoria

Calzone del Cucibocca con filastrocca

Il menu per l'Anno Nuovo