Passa ai contenuti principali

Post

Post in evidenza

Un linguaggio simbolico per la Basilicata

Sei quel che mangi (L. Feuerbach) La speciale maga lucana cura una consultante ammalata di disoccupazione grazie al potere delle spezie e dei loro colori: il nero pepe per capire la morte, il rosso peperoncino per amare la vita, il giallo delle curcuma per emanare energia, il blu del sale per ricevere i messaggi universali, il verde dell'origano per affrontare la metamorfosi e il viola della cannella per imparare a rinascere.Tutti condimenti essenziali per gustare le prelibatezze tipiche della terra d'origine: la Basilicata.


Ultimi post

Baccalà e peperoni cruschi per un Capodanno col ricettario "Come è bello mangiar bene da Palermo in su"

Pasta e ceci neri di Tolve

L'antico dolce lucano all'uva: o pan minisc

Marroncino di Melfi e la Varola: una castagna tutta lucana

Limoncella, Ghiaccio e Maggiatica: mele lucane in torta

Spaghetti con fagiolini asparago o al metro

Torta di more e sorprese dei piccoli frutti

Storia di una Stirpe di donne. Storia del pomodoro Ciettaicale di Tolve

Pesto di basilico lucano in Acquaponica

10 erbe alimentari spontanee estive della Basilicata

Il caffè tra storia e leggenda