Passa ai contenuti principali

Post

Post in evidenza

Un linguaggio simbolico per la Basilicata

Sei quel che mangi (L. Feuerbach) La speciale maga lucana cura una consultante ammalata di disoccupazione grazie al potere delle spezie e dei loro colori: il nero pepe per capire la morte, il rosso peperoncino per amare la vita, il giallo delle curcuma per emanare energia, il blu del sale per ricevere i messaggi universali, il verde dell'origano per affrontare la metamorfosi e il viola della cannella per imparare a rinascere.Tutti condimenti essenziali per gustare le prelibatezze tipiche della terra d'origine: la Basilicata.


Ultimi post

La Cuccìa di Santa Lucia, un racconto pieno di luce

Metti il Mediterraneo a tavola: quando i link gastronomici diventano link sociali

Metti il Mediterraneo a tavola, link gastronomici tra Basilicata, Etiopia ed Eritrea

Metti il Mediterraneo a tavola, una condivisione culturale

La Tetraktys delle olive a Bernalda

Un tartufo lucano è per sempre!

I 20 cibi che ingannano l'invecchiamento

Aquaponica in Basilicata

Il garum e Maratea

Rosàlia e la melanzana di Rotonda: due rarità del Pollino

Il "convivium" delle Comunità Ospitali